DIETOR IN MINICOMPRESSE

Pubblicato il da ondamagisblog2

DIETOR COMPRESSE MINI DOLCIFICANTE

Da anni, ormai, faccio uso di dolcificanti per mantenere la linea e il peso costante, sin da quando, diversi anni fa, in prossimità della mia (prima) laurea, trascuravo apertamente la salute, pur di finire il più in fretta possibile, con lo spiacevole risultato che la linea e il peso ne risentirono. La cosa però non mi preoccupava più di tanto, perché avevo già preventivato di sottopormi ad una dieta dopo aver concluso gli studi, ma che fosse per lo più disintossicante. Ciò che, invece, risultarono allarmanti, nelle analisi di routine, furono i valori sanguigni di colesterolo e trigliceridi, i quali se non mi spensero prima del tempo, fu solo grazie alla mia giovane età: se avessi avuto un 15 anni in più, per me non ci sarebbe stato scampo, disse la dottoressa, mio medico di base. Mi costrinse perciò a prendere provvedimenti per migliorare la mia alimentazione e, a questo proposito, mi consigliò il servizio dietistico dell'ospedale più importante della città, al quale telefonai e fissai il primo appuntamento.

 

Il ciclo di sedute a cui partecipai, nei due anni successivi m'insegnarono a migliorare la mia alimentazione, a introdurre sistematicamente dell'esercizio fisico nel mio stile di vita e, soprattutto, m'insegnarono la dieta mediterranea, che permette di mangiare proprio tutto, ma in maniera variata. Quello, però, che potevo eliminare per accelerare il ritrovamento della linea, lo individuai nell'eliminazione dello zucchero nel caffè (già scarso) e nella riduzione, fino alla quasi scomparsa degli alcoolici, già allora bevuti in maniera molto moderata. Col risultato che adesso sono quasi astemia e non uso più lo zucchero nel caffè, preferendo edulcoranti come quello che sto per descrivervi, cioè il DIETOR, di fronte al cui nome molti inorridiranno, già lo so. ^____^ Io però ho tutte le intenzioni di continuare ad usarlo. Eccolo qui, infatti, il

 

 

DIETOR, DOLCIFICANTE IPOCALORICO (IN MINICOMPRESSE)

Com'è ormai noto, questi dolcificanti, sotto forma di compresse, sono equivalenti ciascuna ad un cucchiaino di zucchero, con un quasi inesistente apporto calorico, cioè dello 0,1 Kcal. Il che vuol dire che, nel caso del mio formato preferito di DIETOR, dolcifica 200 volte più dello zucchero, né viene metabolizzato dal corpo ed è ideale sia per diete ipocaloriche, che per i soggetti affetti da diabete, poiché non innalza la glicemia. Questo per quanto riguarda uno dei principali componenti del DIETOR, l'Acesulfame K.

 

Un altro importante ed indispensabile componente è la famosa saccarina, potentemente dolcificante da 300 a 500 volte più dello zucchero, il quale, anch'esso, a sua volta, non viene metabolizzato dall'organismo, proprio come l'ACESULFAME, non aumentando le indesiderate calorie.

 

Non vi angustio oltre, riportandovi tutte le corrispondenze dei valori energetici, perché queste sono notizie reperibilissime nel sito web, per cui non mi sembra il caso di andare avanti con ulteriori spiegazioni. Piuttosto, quello che mi preme sottolineare è che il DIETOR è un prodotto sicuro da usare, essendo anche stato esaminato - e approvato -, da importanti autorità a livello mondiale, che garantiscono e vigilano sulla buona qualità dei cibi consumati in Europa e nel mondo, com'è, ad es., la FAO.

Il sito web fornisce anche un'importante indicazione riguardo la quantità di compresse che un adulto può ingerire al giorno, cioè fino a 45 compresse mini di DIETOR.

 

Io preferisco questo formato alle bustine, perché essendo costretta a star fuori quasi sempre a pranzo, il dispenser in plastica è molto più pratico delle bustine che finirebbero per aprirsi, se le cacciassi nello zaino, come faccio, invece, col piccolo contenitore in plastica dura a cui non succede certo di aprirsi e rovesciarsi.

In più, molte volte, mi sono trovata al mare o in vari ristoranti/pizzerie dove non avevano dolcificanti, così io, grazie alle mie mini compresse DIETOR, che mi seguono ovunque, nel loro protettivo dispenser, ho potuto prendermi tranquillamente il caffè dopo i pasti, come amo fare di solito.

Infine, d'estate, quando il caldo è eccessivo e sorge il naturale bisogno di dissetarsi, il DIETOR, che sia in compresse o in bustine è l'ideale per dolcificare le bevande fatte in casa come il tè, succhi di frutta, frullati ecc, proprio come faccio con il mio immancabile tè freddo!

 

 

I FORMATI in cui è possibile acquistare il DIETOR sono di tre tipi:

- in bustine, quindi in polvere;

- in minicompresse da 300 pezzi o da 120, come l'ultimo che ho comperato io;

- liquido.

 

Tutti i formati sono acquistabili in supermercati e farmacie.

Il prezzo varia a seconda del tipo di confezione e da negozio a negozio. In genere, si aggira intorno ai 3 €.

 

Inutile dire che la ditta produttrice del DIETOR, la LEAF Italia, certifica i propri prodotti con l'ISO 9001: 2000, visto che è continuamente nell'occhio del ciclone per ciò che produce.

 

La LEAF Italia, è sita in via Milano, 16 a Cremona, con stabilimento di produzione ubicato in via Galliera Nord, 171

S. Pietro in Casale (BO).

 

Il DIETOR dispone anche di un numero verde per i consumatori, rispondente all'800-239185, mentre il sito web è rintracciabile al seguente indirizzo: www.dietor.it

 

Buon DIETOR a tutti, in particolare a chi ha bisogno

Con tag Food

Commenta il post

Melba-Red 01/10/2013 21:22

E' importante mantenere uno stile di vita sano e un alimentazione corretta ed equilibrata.. ma non è facile e spesso ci abbandoniamo a cattive abitudini. E' un prodotto che non uso. Presentato
egregiamente. Ciao :)

Laura 01/04/2013 15:50

Dovrei mettermi io a fare una dieta decente... ma amo troppo le schifezze :D

monica c. 01/04/2013 10:59

ciao cara, tanti auguri di buon anno!

Tiziana 01/04/2013 09:33

Ciao Lena,sull'aspartame ho letto ultimamente cose poco positive e allarmanti, in pratica, questo sostituto chimico dello zucchero avrebbe effetti dannosi sull'organismo,specie se usato ad alte
dosi e per lungo tempo (da banali effetti neurologici ad altri più gravi). E' quanto emerso da uno studio italiano. I risultati di detto studio, sono in contrapposizione con quelli della casa
produttrice e hanno evidenziato che il prodotto (aspartame) è potenzialmente nocivo anche a basse dosi. Purtroppo,superare di parecchio la già alta soglia consentita riportata sulle confezioni è
molto semplice, dal momento che questo dolcificante si trova in molti tipi di caramelle, yogurt, succhi di frutta, sciroppi per la tosse, ecc... Non voglio metterti paura, ma avendo letto parecchio
in proposito non ho potuto fare a meno di mettere in luce i rischi connessi a questo sostituto dello zucchero che negli anni ha portato tanti soldi ai produttori, che anche per ragioni economiche
hanno tutti gli interessi a smentire la pericolosità dell'aspartame a danno dei consumatori.